Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Primarie/Vorwahlen’

punto di domanda

Il gruppo VERDI-GRÜNE-VËRC si é trovato ieri per un’analisi politica del recente voto di ballottaggio e per valutare i possibili futuri scenari . La valutazione politica degli avvenimenti delle ultime ore ha interessato non solo la nostra città, ma anche gli esiti dei ballottaggi a Merano e Bolzano. L’analisi può, per certi aspetti, essere comune, perché comuni sono alcune dinamiche e scenari.

A Merano con la grande, storica vittoria di Paul Rösch gli ecosociali hanno fatto un importante salto di qualitá, per la prima volta avranno l’opportunità, non solo di contribuire al governo del territorio, ma di sedere direttamente in cabina di regia di una delle più grandi cittá del sudtirolo.

A Bolzano e Laives, anche se con modalitá diverse, ma con gli stessi effetti, Spagnolli e di Fede hanno praticamente estromesso gli ecosociali dal governo e questo, dopo 5 anni di proficua e soprattutto leale collaborazione. Oggi è chiaro a tutti la portata di tale errore strategico, insieme agli ecosociali Spagnolli governerebbe già dal primo turno, mentre a Laives Liliana di Fede non avrebbe vissuto sulla propria pelle l’incredibile terremoto politico di questi giorni. La sindaca di Fede ed il PD di Laives, peraltro, non sembrano ancora riconoscere questo loro errore,  continuano ad accusare l’SVP per la mancata indicazione di voto al ballottaggio. Non sembrano ancora rendersi contro che la sconfitta ha cominciato a maturare molto prima, con il netto rifiuto alle primarie di coalizione che Verdi e Fides avevano proposto. A Laives ha naturalmente poi contribuito, e non poco, il clima esasperato provocato dalla linea aggressiva che il PD ha adottato in campagna elettorale, cosí che che una parte del voto di domenica al ballottaggio può certamente essere letto come voto di protesta.

A Laives, come nelle altre città, nessuno dei sindaci designati può ancora sapere se sarà possibile ottenere una maggioranza che permetta loro di governare con tranquillitá per il prossimo quinquennio. In nessuna delle tre cittá infatti i sindaci designati e le liste collegate dispongono di numeri sufficienti e dovranno quindi evidentemente cercare di allargare ad altre forze.

A Laives Christian Bianchi, dovrá rivolgersi non solo all’SVP, ma anche ad altre forze politiche.  Servono oltre ai seggi di SVP (5) almeno altri 2 seggi. I contatti del candidato sindaco proseguiranno  frenetici nei prossimi giorni ed interesseranno anche la nostra coalizione. Valuteremo successivamente a tali incontri i temi e proposte politiche del nuovo sindaco, ma già adesso non possiamo non rilevare che tra le fila dei sostenitori di Bianchi vi sia la Lega, una formazione politica che si muove su posizioni incompatibili con le nostre.

Annunci

Read Full Post »

Bilancia

In un articolo sul quotidiano Alto Adige di oggi, Liliana di Fede accusa gli attuali partner di Giunta Verdi e fides di percorrere la strada del personalismo, citiamo testualmente:  “Per il momento sono loro ad aver scelto la strada del personalismo e la divisione non sarà premiata dagli elettori.  A mio avviso ci sarebbe bisogno di concordia e di unità nell’interesse dei cittadini.”

Facciamo rispettosamente notare che :

1. Chiedere espressamente a Liliana di Fede di organizzare delle primarie di coalizione è a nostro avviso tutt’altro che percorrere la strada del personalismo. Questa strada è  al contrario stata imboccata decisamente dal PD e dalla sindaca nel momento in cui hanno rifiutato le primarie di coalizione, con il timore che la sindaca ne uscisse indebolita politicamente.

2. Un altro importante partner di coalizione l’SVP, ha percorso strada identica a quella dei Verdi e fides (proprie primarie) peraltro senza nemmeno cercare di coinvolgere la sindaca come invece abbiamo fatto correttamente noi. È certamente sintomatico che al contrario di ciò che avviene per i Verdi e fides, nessun commento critico della sindaca giunga nei confronti dell’SVP, la sindaca adotta due pesi e due misure, non si esprime, non parla di personalismi, se ne guarda bene, ed anche questo è un segnale della propria debolezza politica.

Read Full Post »

Primarie

Si sono tenute tra ieri ed oggi le primarie di coalizione tra la lista civica Fides ed i Verdi-SEL. In lizza Volani Dario e Giorgio Zanvettor, l’ha spuntata Volani Dario con 102 preferenze contro le 92 di Giorgio Zanvettor. Complessivamene sono 191 le persone che si sono recate alle urne aperte nelle due giornate di voto a S.Giacomo, Pineta e Laives. Tre votanti hanno espresso la preferenza per entrambi i candidati, il collegio dei garanti ha inteso valorizzare la partecipazione assegnando entrambe le preferenze.
La votazione era gratuita, ma sono stati raccolti 100 € che verranno interamente devolute all’associazione Libera fondata da Don Ciotti, un’associazione nata nel 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia.
Entrambi i candidati alle primarie, hanno espresso soddisfazione per la buona partecipazione rivolgendo un ringraziamento a tutte le persone che si sono recate a votare.
Dario Volani, 50 anni impiegato da quasi 30 anni all’associazione la Strada der Weg ONLUS, assessore dal 1999 al 2005 e dal 2010 ad oggi, sarà quindi il candidato sindaco che guiderà la coalizione Verdi – SEL e Fides alle prossime amministrative di maggio, sono già in corso gli incontri per la definizione del programma amministrativo di coalizione che il candidato sindaco dovrà fare proprio.

 

Read Full Post »

Primarie

I Verdi e la neonata lista civica Fides, hanno recentemente rivolto alla sindaca la richiesta di organizzare congiuntamente le primarie del centro sinistra, una richiesta che però pare non entusiasmare affatto il PD e Liliana Di Fede .

Noi consideriamo le primarie non solo una grande opportunità, ma anche una necessità, perché sono nel DNA sia del gruppo dei Verdi che della lista civica Fides.

Verdi e Fides hanno condiviso la necessità di far partecipare la cittadinanza a tracciare scelte fin dalla prima fase e non solo quando gran parte delle decisioni sono prese. Crediamo che da subito le persone vadano coinvolte, che partecipazione si declini in “far parte”, le primarie sono un modo per dire che “più si è meglio si sta” e non per ridurre a pochi le scelte. Le primarie sono il modo in cui si dimostra e si realizza concretamente quell’apertura alla società che ogni gruppo politico dichiara di volere, ma non sempre realizza.

Per questo, con uno strumento tutto sommato semplice e chiaro invitiamo ogni cittadino a donare parte del proprio tempo alla comunità: prima proponendosi come candidato e poi andando a scegliere chi sostenere.

Entro giovedì prossimo 19.2.2015, chiunque aderisca al “Manifesto per un futuro equo”, che contiene i principi di una politica eco-sociale per l’Alto Adige, potrà proporsi per andare a formare, insieme ad alcune persone che già si sono rese disponibili la lista dei candidati per le primarie. Le adesioni potranno essere inviate anche via mail all’indirizzo candidature.laives@gmail.com

Le primarie non sono un capriccio, un modo per sanare una sfida interna, un rito, un atto di sfiducia, una moda, ma un elemento che rappresenta la volontà di apertura, di confronto, di verifica, di inclusione, di democrazia.

Read Full Post »

00_webSono aperte fino alla fine di febbraio 2015 le candidature alla carica di consigliere comunale per la lista Verdi-Grüne-Vërc di Laives per le prossime amministrative.

I Verdi-Grüne-Vërc da sempre si battono per la trasparenza dei propri atti politici, è per questo che,  analogamente a quanto avvenuto nel 2013 con le primarie aperte (organizzate per le provinciali)  anche a Laives itendiamo scegliere i nostri rappresentanti con modalità trasparenti.

Per questo motivo a partire da queste prossime amministrative  adottiamo la procedura pubblica di ricerca dei candidati pubblicando online questo articolo.

Potrà candidarsi chiunque aderisca al “Manifesto per un futuro equo”, che contiene i principi di una politica eco-sociale per l’Alto Adige sottoscrivendo anche alcuni semplici “impegni per la candidatura”.

L’obiettivo del gruppo Verdi-Grüne-Vërc di Laives è quello di formare una lista con lo stesso numero di candidati del numero di consiglieri, quindi 27 (attualmente i consiglieri sono ancora 30, ma le nuove normative hanno previsto una riduzione di 3 unità).

Come previsto dal DPReg. 1 febbraio 2005 n. 1/L,  Art. 45  deve essere garantita la libertà di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive, quindi nella formazione delle liste nessuno dei due generi può essere rappresentato in misura superiore a due terzi. A titolo esemplificativo, in una lista con 27 candidati, le donne non potranno essere più di 18 donne (2/3) e di conseguenza gli uomini non potranno essere meno di 9 (1/3) o viceversa.

Qui potete trovare il: Modulo per la Candidatura da compilare ed inviare alla mail candidature.laives@gmail.com

Per eventuali informazioni e contatto, l’indirizzo email di riferimento è laives@verdi.bz.it

Read Full Post »

Incontro con i candidati venerdì a S.Giacomo

Tutti i laivesotti sono cordialmente invitati all’incontro con i candidati
alle primarie dei Verdi-Grüne-Vërc che avrá luogo
Venerdì 31.05.2013 ore 19:00 presso il teatro di S.Giacomo (Laives)
Primarie aperte

Treffen mit den Kandidaten zu den Offenen Vorwahlen

Alle LeifererInnen sind herzlich zu unserem Treffen mit den Kandidaten zu den Vorwahlen der Verdi-Grüne-Vërc eingeladen.

Freitag, den 31.05.2013 um 19:00 Uhr im Theater von St.Jakob (Leifers)
Offene Vorwahlen

Read Full Post »

urna_elettorale

Nell’ultima assemblea provinciale i Verdi hanno scelto di adottare il metodo delle primarie per selezionare i primi sei candidati della lista per le prossime elezioni provinciali. L’obiettivo é quello di aver una massima apertura. La partecipazione non é riservata soltanto agli iscritti,  ma chiunque si riconosca nel progetto di un Sudtirolo equo, sostenibile e democratico. L’ambizione è quella di includere candidature provenienti da vari ambiti della società sudtirolese.

Il voto potrà essere espresso anche online, e proprio stamani verrà presentato il portale web di queste “Primarie aperte” (Offene Vorwahlen). Sul sito sarà possibile firmare un “manifesto” per il futuro della provincia, una sorta di “dichiarazione d’intenti” in vista delle provinciali d’autunno.

Alle primarie potrà candidarsi chiunque sia eleggibile, aderisca e si riconosca nei principi affermati dal “manifesto” dei Verdi. Allo scopo occorre sottoscrivere preliminarmente una “carta etica”, quindi accompagnare la candidatura con almeno 20 firme di sostegno raccolte entro i primi di maggio.

Chi sottoscrive il manifesto potrà scegliere online chi guiderà la lista dei Verdi votando sul portale delle primarie durante la prima settimana di giugno (dal 3 al 9, con meccanismi che garantiscano la sicurezza del voto informatico), mentre il voto “fisico” nei seggi si terrà il secondo weekend di giugno (8-9). Potranno partecipare tutti gli aventi diritto al voto residenti in Alto Adige/Südtirol. Anche i giovani, a partire dai 16 anni, e gli stranieri con permesso di soggiorno.

Read Full Post »