Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Aeroporto/Flughafen’

Il 2/5/19 la Comunità della Bassa Atesina (18 comuni) ha approvato il documento “07012/A1/0500 Ampliamento aeroporto Bolzano, Presa di posizione”, in cui chiede alla Giunta provinciale:

  1. che il Masterplan ABD del 2013, compreso il prolungamento della pista, venga archiviato;
  2. che venga stabilito con legge il futuro dell’aeroporto di Bolzano;
  3. che vengano creati i presupposti per il trasferimento dell’intera area nel dominio provinciale;
  4. che fino ad allora sia sospesa la cessione ai privati delle quote ABD della Provincia.

Noi Verdi abbiamo già presentato il 16 gennaio scorso il Disegno di Legge n. 6/19 partendo dalla stessa esigenza di regolare con legge il futuro dell’aeroporto, rispettando il referendum del 2016, e quindi condividiamo le richieste della Comunità della Bassa Atesina.

Si chiede pertanto:

  1. Che cosa intende fare la Giunta provinciale su ognuna delle 4 richieste citate?
  2. In particolare, a proposito della 4° richiesta, ritiene la Giunta provinciale di rinviare la cessione delle proprie quote in ABD a quando verranno soddisfatte le condizioni richieste ai punti 1, 2 e 3, e in caso lo ritenga, di quanto tempo si prevede il rinvio?
  3. Diversamente, se non ritiene di farlo, se ne chiede i motivi.

Bolzano, 06.05.2019

Cons. prov. Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa, Hanspeter Staffler

Annunci

Read Full Post »

Che la Provincia esca da ABD non basta. I Verdi Grüne Vërc propongono un disegno di legge di limitazione del traffico aereo. Sarà trattato lunedì prossimo nella 4a Commissione legislativa.

La privatizzazione dell’aeroporto di Bolzano si avvicina. Sarebbe una beffa se i futuri gestori realizzassero quel potenziamento dell’aeroporto che la popolazione ha sonoramente bocciato nel 2016. L’aumento del traffico aereo sarebbe un vero disastro per la salute della gente e per il clima.

Noi Verdi Grüne Vërc non condividiamo affatto quanto dichiarato dal Presidente Kompatscher, secondo il quale con la privatizzazione dell’aeroporto verrà rispettato il referendum del 2016. Con quel voto infatti la cittadinanza era stata chiamata ad esprimersi sul disegno di legge n. 60 del 2015 che all’articolo 2 prevedeva il “piano di sviluppo aeroportuale” e all’articolo 3 metteva a disposizione il finanziamento necessario (vedi l’allegato opuscolo informativo del Consiglio provinciale).

Il 70% dei votanti disse no al potenziamento dell’aeroporto, no all’allungamento della pista e no al finanziamento pubblico. Egregio presidente Kompatscher, Lei non può solo citare la parte finanziaria di questa storia per lavarsi le mani sul futuro di questa infrastruttura controversa!

I Verdi Grüne Vërc ritengono che a maggior ragione con la privatizzazione imminente, la Provincia debba regolare chiaramente il futuro di questo aeroporto, limitando il traffico aereo per il bene della popolazione, per rispettare veramente il risultato del referendum e per dare un segnale concreto ai tanti ragazzi e alle tante ragazze che si battono contro il cambiamento climatico e per il loro futuro.

La Provincia deve esercitare le sue competenze, ampliate ora dal Decreto del Presidente della Repubblica 17 Settembre 2015, nr. 201 che ha inserito Bolzano tra gli “aeroporti di interesse regionale”, con trasferimento alla Provincia. Lo scalo rientra dunque nel “trasporto di interesse provinciale” su cui l’art. 8 dello Statuto d’autonomia prevede competenza primaria della Provincia.

Per attuare le competenze della Provincia sull’aeroporto e limitare rigorosamente il traffico aereo a tutela del clima e della salute, il Gruppo Verde ha presentato il Disegno di Legge n. 6/2019 (in allegato) che verrà discusso lunedì dalla 4a commissione. In esso si prevede anche il divieto di allungare la pista e il coinvolgimento dei comuni interessati in un “comitato d’intesa” cui affidare le decisioni sull’uso dello scalo.

Bolzano, 12/04/2019

Cons. prov. Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa, Hanspeter Staffler

Testo ddl

Relazione

Read Full Post »

La 4° Commissione legislativa del Consiglio provinciale ha deciso oggi di continuare la trattazione della legge presentata dal Gruppo Verde che prevede la drastica limitazione del traffico aereo, la provincializzazione dell’aeroporto, l’istituzione di un “comitato d’intesa” che coinvolga i comuni interessati e l’interruzione di ogni finanziamento pubblico al traffico aereo.

Arrivati a un passo dalla provincializzazione, anche molti colleghi della Svp e tutta l’opposizione hanno condiviso punti fondamentali:

  1. che il referendum del 2016 ha bocciato non solo il finanziamento pubblico ma anche lo sviluppo dell’aeroporto, con l’allungamento della pista, e che bisogna impedire che tale sviluppo venga ora fatto dai privati;
  2. che occorre quindi una legge con cui la Provincia regoli esattamente che cosa può o non può fare il futuro gestore;
  3. che la possibilità di passare l’aeroporto alla provincia (prevista dal DPR n. 201 del 2015) va attuata con decisione.

Questi punti erano contenuti anche nel parere del Consiglio dei Comuni.

Grazie a questo largo consenso su punti fondamentali, la commissione ha deciso di continuare il confronto sul disegno di legge nelle prossime settimane, per chiarire alcune questioni giuridiche e cercare di arrivare a un testo condiviso.

Noi Verdi siamo molto soddisfatti e speriamo che si arrivi finalmente a una legge che rispetti in pieno la volontà popolare del referendum del 2016.

Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa, Hanspeter Staffler

15.04.2019

 

Flughafen: Gesetz der Grünen nimmt erste Hürde!

Der 4. Gesetzgebungsausschuss des Landtags hat heute nach langer Diskussion beschlossen, die Behandlung des Gesetzentwurfs der Grünen Fraktion nicht wie angenommen abzulehnen, sondern vorerst auszusetzen. Der Entwurf sieht die drastische Reduzierung der Flugbewegungen, die Übertragung des Flughafenbesitzes an das Land, die Einsetzung eines Einvernehmenskomitees mit den betroffenen Gemeinden und das Stopp jeglicher öffentlichen Finanzierung durch das Land vor.

Auch die KollegInnen der SVP und die Opposition teilten die wichtigsten Punkte, nämlich:

  1. dass die Volksbefragung von 2016 nicht nur ein NEIN zur öffentlichen Finanzierung war, sondern die Ablehnung des gesamten Entwicklungsplanes des Landeshauptmanns, mit Verlängerung der Landebahn. Und dass es nun zu verhindern gilt, dass dieser damals abgelehnte Entwicklungsplan von den Privaten umgesetzt wird;
  2. dass es jetzt folglich ein Gesetz braucht, mit dem das Land festsetzt, was die künftige private Führung mit dem Flughafen machen darf und was nicht;
  3. dass sich das Land nicht die Gelegenheit entgehen lassen darf, den Besitz des Flughafens vom Staat zu übernehmen (wie vom DPR DPR n. 201/2015 vorgesehen).

Diese Punkte waren übrigens auch im Gutachten des Rates der Gemeinden aufgelistet.

Dank dieser Übereinstimmung zu den wichtigsten Teilen des Entwurfs hat der Gesetzgebungsausschuss beschlossen, in den nächsten Wochen noch Klärungen vorzunehmen und möglicherweise zu einem Gesetz zu kommen, das von breiten Teilen des Landtags geteilt wird.

Wir Grünen sind sehr zufrieden mit der Aussicht, dass die Volksbefragung von 2016 und der Willen der Bevölkerung ernst genommen wird – wie es sein sollte.

Read Full Post »

Anche negli ultimi giorni, nel cedere la gestione dell’aeroporto ai privati, il Presidente Kompatscher ha voluto rimarcare che con questo passo tiene conto dell’esito della consultazione popolare del 2016. Non possiamo tacere di fronte a questa tesi e chiediamo al Presidente Kompatscher di attenersi alla verità storica.

Perché la Consultazione del 2016 non si riferiva al finanziamento pubblico, come ama sottolineare Kompatscher. La consultazione anzi chiedeva il parere della popolazione sul progetto di sviluppo dell’aeroporto. Il finanziamento annuale in questo era solo una parte.

Già allora avevamo detto al Presidente che si sarebbe dovuto interrogare la popolazione su un quesito SENSATO, soprattutto sarebbe stato necessario una proposta alternativa. Kompatscher non l’ha voluta. E allora la popolazione ha detto NO e con questo NO si è espressa su varie cose:

  • una parte della popolazione ha detto NO al finanziamento pubblico
  • una parte della popolazione ha detto NO all’allungamento della pista
  • una parte della popolazione ha detto NO all’aeroporto
  • e una parte (minoritaria) della popolazione ha detto SI al progetto di sviluppo di Kompatscher.

Subito dopo il Presidente Kompatscher, offeso com’era, ha mal interpretato il risultato dicendo che il popolo aveva preferito la gestione dell’aeroporto da parte dei privati. E quindi va avanti su questa linea.

La popolazione della conca di Bolzano, della Bassa Atesina e dell’Oltradige infatti è preoccupata e arrabbiata, molti sono delusi del loro Landeshauptmann. Che ha capito benissimo cosa vuole la gente. Ma che continua a dire che la gente non ha capito cosa ha votato nel referendum.

Un comportamento democraticamente scorretto. E politicamente ben poco intelligente. Torni indietro, Landeshauptmann!

Cons.Prov. Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hanspeter Staffler

 

Flughafen an Private: Das war nicht der Geist der Volksbefragung!

Auch in den letzten Tagen, im Zuge der Übergabe der Flughafenführung an Private, hat Landeshauptmann Kompatscher immer wieder betont, man entspreche damit dem Ergebnis der Volksbefragung von 2016. Wir können das nicht so stehen lassen und fordern den LH zu historischer Redlichkeit auf.

Denn die Volksbefragung zum Flughafen bezog sich nicht auf die öffentliche Finanzierung, wie der LH heutzutage immer gern herauskehrt. Die Volksbefragung fußte auf dem Entwicklungskonzept des Flughafens. Darin war die jährliche Finanzierung nur ein Teil.

Wir haben den LH schon damals darauf hingewiesen, dass eine echte sinnvolle Fragestellung anders hätte lauten müssen, vor allem auch auch einen Gegenentwurf vorsehen. Das hat Kompatscher schon damals nicht gewollt. So kam es, dass das Volk in Südtirol verschiedene Neins gesagt hat:

  • ein Teil stimmte GEGEN die öffentliche Finanzierung (NEIN Nummer 1)
  • ein Teil stimmte GEGEN die Verlängerung der Landebahn (NEIN Nummer 2)
  • ein Teil stimmte GEGEN den Flughafen (NEIN Nummer 3)
  • der Rest (die Minderheit) stimmte FÜR das Entwicklungskonzept des Landeshauptmanns (JA).

Schon gleich nach dem für ihn niederschmetternden Ergebnis hat der LH trotzig das Ergebnis dahingehend interpretiert, dass das Volk die Führung des Flughafens durch Private wolle. Und so zieht er das auch durch. Er verzerrt damit auf das Gröbste das Ergebnis der Volksbefragung.

Die Bevölkerung im Bozner Talkessel, im Unterland und Überetsch ist entsprechend besorgt und auch aufgebracht, viele sind enttäuscht von ihrem Landeshauptmann. Der genau verstanden hat, was die Menschen wollen (bzw. nicht wollen) – und zugleich so tut als ob nur die Menschen nicht verstanden haben, worüber sie abgestimmt haben.

Das ist demokratisch unfair. Und politisch unklug noch dazu.

Landtagsabgeordnete: Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hanspeter Staffler

Read Full Post »

Nell’ultima seduta del consiglio comunale di dicembre 2018, è stato approvato all’unanimità un documento dei verdi che auspicava l’immediata attivazione dell’amministrazione comunale a tutti i
livelli, sia amministrativi che politici, contro la deliberazione dell’amministrazione provinciale n. 1373 del 18.12.2018 che ha dichiarato improcedibili le modifiche al PUC di Laives attivate per
ripristinare la situazione della pista aeroportuale ante 2016.
A distanza di quasi 3 mesi da quel voto unanime che, caso più unico che raro, ha visto tutte le forze politiche schierarsi compatte per la difesa delle prerogative di pianificazione del nostro territorio i verdi sono a chiedere quali atti concreti l’amministrazione comunale abbia messo in pratica.

Interrogazione verde sull’aeroporto

Read Full Post »

I Verdi di Laives presentano un Ordine del giorno che verrà discusso stasera in Consiglio comunale. 

Il Gruppo Verde in Consiglio provinciale sostiene l’azione dei Verdi e del Comune di Laives

Il comune di Laives ha avviato la procedura di modifica del Piano Urbanistico Comunale per eliminare la possibilità di allungare la pista dell’aeroporto. Tale procedura è prevista e regolata nella Legge Urbanistica provinciale, che prevede diversi passaggi, tra cui la pubblicazione, la raccolta di osservazioni, l’analisi della proposta da parte degli uffici provinciali competenti e della Commissione per la natura, il paesaggio e lo sviluppo del territorio, fino alla decisione della Giunta provinciale.

Ieri però, in tutta fretta, la Giunta provinciale ha respinto la proposta del comune di Laives ancora prima che questa procedura sia stata effettuata. A quanto si capisce, la Giunta ha dichiarato “irricevibile” la proposta del comune sulla base di un parere dell’ufficio legale. Un simile “respingimento preventivo” non è assolutamente previsto dalla legge e contrasta con le norme previste dalla Legge Urbanistica, negando il buon diritto di un comune a fare la sua proposta e a sottoporla all’esame procedurale previsto.

Il Gruppo Verde in Consiglio provinciale esprime il proprio sostegno all’Ordine del giorno presentato dal gruppo Verde comunale di Laives e ne auspica l’approvazione. Il Comune di Laives va sostenuto nella sua battaglia per il rispetto della volontà della popolazione espressa col referendum del 2016, in cui il 70% dei/delle votanti ha detto chiaramente No a qualsiasi potenziamento dell’aeroporto.

Per il Gruppo Verde nel consiglio comunale di Laives

Giorgio Zanvettor

Per il Gruppo Verde in Consiglio provinciale

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hanspeter Staffler

Read Full Post »

Nel dicembre 2017 in Consiglio Comunale, il vice sindaco Seppi comunicava di aver dato incarico ai propri uffici di avviare la pratica urbanistica per modificare il piano urbanistico comunale alla situazione precedente al referendum sull’aeroporto.

A dieci mesi da quella dichiarazione ancora nulla si è mosso. I verdi interrogano sull’ennesimo inspiegabile ritardo a tale modifica, che il consigliere Zanvettor aveva richiesto già il giorno successivo al referendum e che era stata approvata a larga maggioranza dal consiglio comunale.

Interrogazione 8/2018

Read Full Post »

Older Posts »