Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Christian Bianchi’

imbarazzo

Imbarazzante situazione per la nuova Giunta di Laives, le delibere di approvazione del bilancio preventivo vengono ritirate per correggere i numerosi errori, sia formali che di merito, segnalati dai banchi dell’opposizione.

Nel corso delle convocate sedute di consiglio del 12.1 e 13.1 la Giunta intendeva approvare il documento unico di programmazione (DUP) ed bilancio di previsione 2016. Questi atti rappresentano, senza ombra di dubbio, i documenti politico-contabili più importanti nel corso dell’anno e la loro approvazione un appuntamento fondamentale per ogni amministrazione, non a caso, infatti, il legislatore prevede il commissariamento in caso di mancata approvazione di tale documentazione.

A questo fondamentale appuntamento amministrativo, la Giunta di Laives è arrivata, assolutamente impreparata. All’approvazione del bilancio di previsione, che peraltro avrebbero già dovuto avvenire entro il 31.12.2015, l’amministrazione di Laives ha voluto arrivare in tempi strettissimi, evidentemente troppo stretti, e probabilmente sottovalutando, tutta la tematica.

La documentazione allegata alle due deliberazioni,  conteneva evidenti errori ed omissioni, le stesse voci tecnico-contabili, che avrebbero dovuto essere riportare identiche su diversi documenti,  assumevano importi diversi. Tutte queste “mancanze”, sfuggite all’attenzione della Giunta, che evidentemente non ha ritenuto di controllare preventivamente i propri documenti, sono invece state puntualmente rilevate e contestate dai consiglieri di opposizione.

Il sindaco,  dopo una lunga interruzione chiesta per discutere all’intero della maggioranza “l’imbarazzante” questione ed una seduta straordinaria dei capogruppo, non ha potuto far altro che prendere atto della impossibilitá di approvare tali documenti. Il primo cittadino ha quindi proposto di ritirate le proprie delibere all’ordine del giorno ed ha sciolto la seduta, impegnandosi ad riconvocare a breve un nuovo consiglio comunale per avere il tempo di “sistemare” il DUP ed il bilancio di previsione 2016.

 

 

 

 

Annunci

Read Full Post »

taglio stipendi

Dalla discussione seguita in consiglio comunale alla ratifica della deliberazione di Giunta n. 277 dell’11.8.2015, é emerso definitivamente che la tanto sbandierata riduzione di stipendio della Giunta è tale, esclusivamente per il Sindaco,  per tutti gli altri componenti della Giunta si è trattato, molto  più prosaicamente di una riduzione di stipendio da ricondurre ad un impegno ridotto, una sorta quindi di part-time della giunta.

L’attuale normativa prevede infatti che sotto le 1.200 ore di attività annue, l’indennità venga automaticamente ridotta del 20%. Dalla delibera di Giunta n. 277 dell’11.8.2015, ratificata in Consiglio in data 1.9.2016, leggiamo testualmente:

…prendendo atto della rinuncia del sindaco del 20% di indennità di carica e del fatto che gli altri membri della Giunta svolgeranno il loro incarico a tempo parziale;

Sarebbe interessante sapere dal movimento 5 stelle se questa “riduzione” che abbiamo verificato effettivamente tale non è, soddisfi in qualche misura il terzo dei loro 14 punti programmatici che sono alla base dell’appoggio dei pentastellati al sindaco Bianchi.

3. Ridurre trasversalmente le indennità del 20% delle cariche di Giunta (da subito)

 

Read Full Post »

punto di domanda

Il gruppo VERDI-GRÜNE-VËRC si é trovato ieri per un’analisi politica del recente voto di ballottaggio e per valutare i possibili futuri scenari . La valutazione politica degli avvenimenti delle ultime ore ha interessato non solo la nostra città, ma anche gli esiti dei ballottaggi a Merano e Bolzano. L’analisi può, per certi aspetti, essere comune, perché comuni sono alcune dinamiche e scenari.

A Merano con la grande, storica vittoria di Paul Rösch gli ecosociali hanno fatto un importante salto di qualitá, per la prima volta avranno l’opportunità, non solo di contribuire al governo del territorio, ma di sedere direttamente in cabina di regia di una delle più grandi cittá del sudtirolo.

A Bolzano e Laives, anche se con modalitá diverse, ma con gli stessi effetti, Spagnolli e di Fede hanno praticamente estromesso gli ecosociali dal governo e questo, dopo 5 anni di proficua e soprattutto leale collaborazione. Oggi è chiaro a tutti la portata di tale errore strategico, insieme agli ecosociali Spagnolli governerebbe già dal primo turno, mentre a Laives Liliana di Fede non avrebbe vissuto sulla propria pelle l’incredibile terremoto politico di questi giorni. La sindaca di Fede ed il PD di Laives, peraltro, non sembrano ancora riconoscere questo loro errore,  continuano ad accusare l’SVP per la mancata indicazione di voto al ballottaggio. Non sembrano ancora rendersi contro che la sconfitta ha cominciato a maturare molto prima, con il netto rifiuto alle primarie di coalizione che Verdi e Fides avevano proposto. A Laives ha naturalmente poi contribuito, e non poco, il clima esasperato provocato dalla linea aggressiva che il PD ha adottato in campagna elettorale, cosí che che una parte del voto di domenica al ballottaggio può certamente essere letto come voto di protesta.

A Laives, come nelle altre città, nessuno dei sindaci designati può ancora sapere se sarà possibile ottenere una maggioranza che permetta loro di governare con tranquillitá per il prossimo quinquennio. In nessuna delle tre cittá infatti i sindaci designati e le liste collegate dispongono di numeri sufficienti e dovranno quindi evidentemente cercare di allargare ad altre forze.

A Laives Christian Bianchi, dovrá rivolgersi non solo all’SVP, ma anche ad altre forze politiche.  Servono oltre ai seggi di SVP (5) almeno altri 2 seggi. I contatti del candidato sindaco proseguiranno  frenetici nei prossimi giorni ed interesseranno anche la nostra coalizione. Valuteremo successivamente a tali incontri i temi e proposte politiche del nuovo sindaco, ma già adesso non possiamo non rilevare che tra le fila dei sostenitori di Bianchi vi sia la Lega, una formazione politica che si muove su posizioni incompatibili con le nostre.

Read Full Post »

In una recente intervista al quotidiano Alto Adige il consigliere Christian Bianchi (PDL) ha attaccato duramente i due neo assessori Zanvettor dei (Verdi) e Guarda (UDC):

“Abbiamo deciso di uscire dalla sala del consiglio comunale alla nomina dei due assessori, per rendere palese la nostra protesta in merito a queste nomine. Giorgio Zanvettor lo conosciamo bene perché è stato assessore durante la passata amministrazione e non ricordiamo iniziative interessanti da parte sua.”

Sembra che questo non sia un buon momento per il consigliere Bianchi, a livello provinciale sta cercando di organizzare il  convegno  PDL  per superare le divisioni tra varie correnti, ma anche solo accordarsi sulla data di svolgimento gli risulta difficile. A livello locale, giocando in casa, dovrebbe essere teoricamente piú semplice, ma purtroppo per lui, niente da fare, anche qui problemi interni, malumori, una linea d’opposizione puntata piú sull’ostruzionismo che sul costruttivo confronto tra le parti,  che ad oggi non gli ha ancora prodotto  alcun risultato utile alla personale carriera provinciale.

Comprendiamo quindi la sensazione di impotenza che lo assale e che  lo porta a dichiarazioni che con il passare del tempo diventano sempre piú oltre le righe, che si allontanano in modo netto da quello che, almeno un tempo,  era il suo stile politico.

Volentieri veniamo comunque incontro al consigliere Bianchi ricordando quelle “iniziative interessanti” che dice di non ricordare dell’attivitá dell’ass. Zanvettor nella passata legislatura.

Passando per via Marconi non avrá potuto non notare un parco giochi, peraltro il più grande e più frequentato del nostro Comune, che è stato realizzato dall’assessorato alla riqualificazione urbana guidato da Zanvettor nella passata legislatura, finalizzando quelle che furono le richieste degli stessi cittadini emerse da un’apprezzata indagine preliminare.

Sempre rimanendo in cittá in via Galizia vi è un’area cani che la stessa opposizione ha più volte apprezzato chiedendo di realizzarne di simili nelle frazioni, anche questa è stata ideata e concretizzata  dall’assessore verde nella passata legislatura.

Se poi proseguendo per S.Giacomo, volesse concentrarsi sul tratto che precede l’abitato potrá notare il primo lotto di una ciclabile (l’unico del nostro territorio) anche questo realizzato dall’assessorato guidato da verdi  nella passata legislatura che peraltro la Giunta attuale è in procinto di prolungare.

Crediamo che queste siano assolutamente degli  “interessanti” risultati ottenuti da  Zanvettor nella passata legislatura,  ma forse sono interessanti solo per noi Verdi e non per il consigliere Bianchi, o forse ancor più semplicemente, nel suo caso si tratta solo di memoria corta!

Read Full Post »

Premesse:

Il 25 maggio 2011 in Consiglio comunale arriva l’approvazione “bipartisan” di un ordine del giorno del polo della liberta che sostanzialmente approva la realizzazione di un nuovo lido all’interno della cittadella dello sport in zona Galizia, il tutto finanziato con una operazione di urbanistica contrattata che  ha,  come oggetto,  i terreni dove si trova l’attuale lido.

In estrema sintesi,  si elimina il vecchio lido, l’area  diventa edificabile e con il ricavo della vendita della cubatura si finanzia il nuovo lido in zona Galizia.

Prese di posizione (fonti di stampa):

e uno:  03.06.2011

… Christian Bianchi canta vittoria , da 15 anni diciamo che questa e la strada giusta per avere un nuovo lido entro tempi ragionevoli: finora ci avevano sempre detto di no, ma alla fine lo hanno capito anche in maggioranza. Siamo contenti perché vince prima di tutto la nostra coerenza nel portare avanti l’idea…

e due: 12.06.2011 –  da alcuni membri dell’SVP, corrente dei contadini, arriva il no all’operazione

…E se invece si arrivasse a congelare lo spostamento del lido in zona Galizia per ristrutturare quello esistente? Bianchi:  Se dovesse andare in questo modo rispetto alla trasformazione urbanistica del vecchio lido come da noi proposto (ed approvato dal Consiglio comunale) allora sia chiaro che dovrá essere la Provincia a metterci i soldi…

e tre: 12.08.2011  – La corrente dei contadini propone di non costruire il nuovo lido in Galizia, ma di ristrutturare il lido attuale, finanziando i lavori sempre con una operazione di urbanistica contrattata, ma su terreni privati in via Hofer, cosa questa che il PDL ha sempre dichiarato assolutamente inaccettabile.

…Bianchi guarda con attenzione alla nuova proposta presentata dal Bauernbund….….Bianchi esprime grande apprezzamento per il Bauernbund, che sul lido ha avanzato una proposta alternativa…

e un, due, tre OOPLÀ la capriola é fatta!

Read Full Post »